Pierfrancesco Diliberto “Pif”

Lettera aperta di Laura a Pierfrancesco Diliberto “Pif”
“ un antidoto per non diventare marziani”

lunedì 20 agosto 2018,

Buongiorno Pierfrancesco Diliberto “Pif”,

Non é un vero marziano che ti scrive ma un quasi marziano, come lo sono quelli che come me hanno lasciato l’Italia per andare a lavorare e vivere altrove e che diventano dei marzianini... quando ritornano, anche per poco, in Italia. Credono conoscere e riconoscere il loro paese, che pero’ giustamente e ogni tanto anche ingiustamente, é tanto cambiato.
Passo in Italia le mie vacanze per tenere compagia alla mia mamma anziana che dorme come una marmotta e che ama guardare la televisione quando é sveglia.
Vedere insieme a lei sulla Tre le tue vignette “lettere a un arziano”, é un vero piacere.
Ci fa conoscere della gente che avremmo tanto piacere incontrare di persona : la mia mamma non é piu abile, ma sa ancora apprezzare la dolcezza, l’intelligenza, l’umanità di questi incontri. E a me fa piacere perché scopro un’Italia che mi piace e ne ho talmente bisogno, perché quando sento i politici sproloquiare, anche loro parlano italiano, ma non é un‘ Italia di cui sono fiera e mi fa solo sentire ancora più un marziano.
Allora mi dico che forse le tue emissioni sono un antidoto al sentirsi marziani, al sentirsi al di fuori della mischia e incitano a fare, a mettersi in movimento là dove si é, come si puo’, per mostrare, dire quello che ci sembra importante.
Un grazie di tutto cuore!
Una giovanissima (di due settimane appena) ammiratrice

Autore: Laura

Pierfrancesco Diliberto “Pif”, 32 lettere aperte, 6 visite

Nessun commento su questa lettera a Pierfrancesco Diliberto “Pif”


HTML autorizzato: <b> <i> <a> :-) ;-) :-( :-| :-o :-S 8-) :-x :-/ :-p XD :D



Celebrità > P > Pierfrancesco Diliberto “Pif” > Lettera 29 > scrivere