Samantha Cristoforetti

Lettera aperta di antonio mecca a Samantha Cristoforetti
“Firma autografata”

venerdì 24 maggio 2019,

Buongiorno Samantha Cristoforetti,

mi chiamo Antonio, e sono un tuo grande ammiratore. Ho letto di recente la tua giusta recriminazione riguardo lo scattare foto senza neppure prima presentarsi, tanto per avere una sorta di archivio da mostrare agli amici. Sono più che d'accordo. Talvolta però: soprattutto come alla recente mostra del libro a Torino, dove la gente che letteralmente si accalcava attorno a te era tantissima, risulta difficile non andare subito al sodo. Meglio la volta precedente che ti ho vista: a Roma, alla libreria della stazione Termini. In quella occasione ti ho chiesto se gentilmente potevi firmarmi una copia del tuo interessantissimo libro, dopo averti fatto i miei complimenti. Tu lo hai fatto, ma quella firma dal nome e dal cognome smezzati, francamente - scusami tanto - non è una firma comprensibile. A Torino ti avevo chiesto se potevi farmela per esteso, e tu hai risposto "No". Perché? Uno ci tiene alla firma di una persona alla quale la richiede, e anche se la maggior parte di noi non è nota, meriteremmo ugualmente una firma normale seppur provenendo da una persona speciale. Avevo scritto un mio modesto articolo pubblicatomi su un modesto giornale milanese, ma non ho avuto il coraggio di dartene una copia, a Torino, perché mi sono sentito molto intristito. Ti faccio i miei più cari e sinceri auguri per la tua vita e professione, perché sei una persona eccezionale, molto simpatica anche. Ciao, Samantha.

Autore: antonio mecca

Samantha Cristoforetti, 8 lettere aperte, 75 visite

Nessun commento su questa lettera a Samantha Cristoforetti


HTML autorizzato: <b> <i> <a> :-) ;-) :-( :-| :-o :-S 8-) :-x :-/ :-p XD :D



Celebrità > S > Samantha Cristoforetti > Lettera 4 > scrivere