Luciana Littizzetto

Lettera aperta di Santa Sculli a Luciana Littizzetto
“Diploma Magistrale e Giudici.”

martedì 23 gennaio 2018,

Buongiorno Luciana Littizzetto,


Buongiorno, mi chiamo Santa Sculli e sono una diplomata Magistrale.

In queste settimane avete tanto sentito parlare di noi, ma leggendo i giornali e ascoltando i vari notiziari mi è parso che sia venuto alla luce solo una piccola parte del problema e per questo motivo ho deciso di scrivere, sperando che qualcuno mi aiuti a far emergere e conoscere l'enorme imbroglio che c'è sotto.

In tv si è parlato molto delle maestre che, a causa della recente decisione del Consiglio di Stato, potrebbero perdere il posto di ruolo oppure il posto nelle Graduatorie ad esaurimento (quelle che permettono di accedere al ruolo).

Questo è si un grande problema perchè molte colleghe perderanno la possibilità di essere assunte, magari dopo anni di precariato....

A mio avviso è però inconcepibile che, circa tre anni fa, molti diplomati magistrale abbiano iniziato a fare ricorso per essere immessi nelle graduatorie ad esaurimento e alcuni ricorsi sono andati a buon fine quindi queste persone sono state immesse in ruolo senza riserva, altri ricorsi no e così abbiamo tanti diplomati che sono stati immessi in ruolo, ma con riserva.

Infine alcuni diplomati magistrale hanno perso il ricorso e quindi attualmente sono nelle graduatorie di Istituto, graduatorie che permettono di fare delle supplenze, anche annuali, ma non consentono di accedere al ruolo (per inciso questo è il mio caso!).

Ora io mi chiedo: "Ma la legge non dovrebbe essere uguale per tutti? In che stato viviamo? Siamo in balia dell'umore del Giudice di turno?".

Vi prego di aiutarmi a capire perchè è successo questo e come sia potuto accadere.

I Giudici pro ruolo poi non hanno considerato se i diplomati che hanno fatto ricorso avessero mai lavorato anche solo un giorno nella scuola Primaria o avessero conseguito delle specializzazioni, si sono limitati a considerare abilitante il diploma magistrale.

Il risultato inconcepibile di ciò è che sono state immesse in ruolo in tutta Italia anche un sacco di diplomate magistrale che magari hanno tirato fuori dal cassetto a distanza di 20 anni il loro diploma.

Nella vita precedente erano commesse, investigatrici, mamme, impiegate, assicuratrici e altro ancora... (le ho conosciute personalmente). Ora sono regolarmente assunte. Lascio immaginare quanto ne sappiano di didattica per competenze, inclusione, apprendimento cooperativo, bisogni educativi speciali e altro.

Ora la nostra cara Ministra, forse si è accorta del disastro che è stato fatto e cerca di limitare i danni asserendo che per insegnare alla scuola Primaria è necessaria la laurea.

Scrivo per dire no perchè il mio diploma è abilitante. Sono più di dieci anni che vengo assunta a settembre e licenziata a giugno, credo che lo Stato abbia bisogno di me, però non mi assume, così risparmia e mi sfrutta.

Ogni anno ho all'attivo almeno 50 ore di formazione perchè mi piace studiare e amo il mio lavoro.

La cosa più assurda è che questo è il terzo anno in cui vengo assunta a settembre e licenziata il 31 agosto, praticamente lavoro su un posto vacante, ma non vengo assunta! Ho conseguito la specializzazione per le attività di sostegno due anni fa ma ho avuto la sfortuna di incorrere nel Giudice sbagliato!!!

Vi sembra una cosa possibile? Chiedo il vostro aiuto! Indagate!!!!

Cordiali saluti Santa Sculli

Autore: Santa Sculli

Luciana Littizzetto, 189 lettere aperte, 36 visite

Nessun commento su questa lettera a Luciana Littizzetto


HTML autorizzato: <b> <i> <a> :-) ;-) :-( :-| :-o :-S 8-) :-x :-/ :-p XD :D



Celebrità > L > Luciana Littizzetto > Lettera 166 > scrivere