Checco Zalone

Lettera aperta di Aldo Senatore a Checco Zalone
“Il richiamo della giungla”

domenica 19 agosto 2018,

Buongiorno Checco Zalone,

Ciao Checco,, sono più a sud di te (Calabria)
Mancano i tuoi film, trasmettono tanto brio ed allegria, che nel quotidiano servono per superare l'ansia di tutto ciò che succede in questo Paese....... Sono in pensione da più di 4 anni dopo averne lavorato 40 nel settore pubblico come dirigente: Pensavo come sarebbe simpatico e drammatico contestualmente, essere richiamati, per una serie di errori burocratici (calcolo sbagliati dall'Ufficio e validati dall Inps - ma i motivi possono essere tanti visti gli errori che commette la Pubblica Amministrazione) in servizio dove chiaramente troverebbe una situazione nuova, cambiata, con nuove procedure amministrative ed organizzative che chiaramente lo trovano spiazzato. La tua professionalità e bravura recitativa troverebbe grande spazio in questa tremenda situazione, che analizzata sotto il piano prettamente tragicomico porteresti sicuramente al successo. anche perché è un tema di attualità considerato che con le vigenti normative un lavoratore ancora non sa quando deve andare in pensione...... figurati lo stato d'animo di chi per un errore procedurale viene richiamao nella giungla !!!!!!!!!!!!!

Autore: Aldo Senatore

Checco Zalone, 67 lettere aperte, 8 visite

Nessun commento su questa lettera a Checco Zalone


HTML autorizzato: <b> <i> <a> :-) ;-) :-( :-| :-o :-S 8-) :-x :-/ :-p XD :D



Celebrità > C > Checco Zalone > Lettera 68 > scrivere