Lettera per Enrico Montesano

Lettera aperta di Vincenzo Drosi a Enrico Montesano
“Tra illusione e realtà”

giovedì 14 gennaio 2021,

Buongiorno Enrico Montesano,



vorrei intanto ringraziarla di cuore per il coraggio dimostrato nel dire ciò che pensa in questo particolare periodo storico che, sicuramente, si sta rivelando molto più triste di quanto si potesse pensare qualche mese fa e, non certo per via del virus. Volevo, pertanto esprimerle anche il mio pensiero e le mie considerazioni in proposito.

Ricordo che mio nonno mi diceva” vedi figliolo, quando nella vita reale succede qualcosa di veramente grave, come una guerra, una epidemia o una pesante crisi economica, per accorgertene non avrai certo bisogno che ti venga raccontato da TV o giornali ma, ti basterà semplicemente vivere la vita e guardare ciò che ti circonda poco oltre il tuo naso “. Allora mi chiedo: se domani decidessimo di spegnere per un mese radio e tv, di non comprare giornali e non guardare le pagine internet, cosa rimarrebbe di quella catastrofica realtà che, in questo periodo “pandemico”, ci viene quotidianamente narrata dai media? Io credo poco o nulla. Probabilmente cesserebbe come d’incanto quest’orgia dilagante di ipocrisia a buon mercato e di ipocondria indotta , i medici smetterebbero di travestirsi da eroi per rivestire gli “umili” camici di gente pagata per fare il proprio dovere, gli scienziati seri tornerebbero a fare ricerca al chiuso dei laboratori e non sotto i riflettori dei talk show televisivi, i politici incompetenti ed ignoranti non avrebbero più la scusa per continuare a far finta di governare vivacchiando sulle spalle di un popolo non più sovrano protetti dal perenne stato di terrore ed emergenza sanitaria, le forze dell’ordine e i magistrati si sforzerebbero nuovamente a provare di dare la caccia ai delinquenti veri anziché a vecchietti e ragazzini privi di mascherina, gli impiegati pubblici tornerebbero a guadagnarsi la pagnotta andando a lavorare in ufficio ove, si spera, vi sarà qualcuno a controllare che ciò avvenga veramente e, infine, la gente, come accade oramai da millenni su questa terra, continuerebbe ad ammalarsi, soffrire e morire senza particolari clamori o pubblicità poiché la vita, da sempre, è fatta così. Ma si sa, le debolezze e le paure umane sono tante e, poterle sfruttare amplificandone gli effetti regala un immenso potere a chi ha i mezzi e gli interessi per farlo. Allora, vediamo se è possibile modificare la pseudo realtà che incessantemente pervade, indirizza e condiziona le nostre vite; fermiamoci un mese, spegniamo radio e TV, mettiamo da parte i giornali, azzeriamo internet, torniamo a parlarci e a confrontarci guardandoci negli occhi anzichè fissando ipnotizzati lo schermo del proprio smart Phone . Ascoltiamo e meditiamo veramente su quanto ha da dirci il nostro amico, vicino, figlio, compagno/a, fratello, collega o estraneo che sia. Facciamo tutto quanto possa aiutarci a pensare con la nostra testa, guardare con i nostri occhi, sentire con le nostre orecchie e agire con il nostro cuore. Sono sicuro che la realtà che andremo a vivere in quel mese di blackout mediatico anche se non dovesse rivelarsi migliore rispetto alla precedente sarà sicuramente nuova, diversa, sarà la nostra narrazione della realtà che ci circonda e non quella di qualcun altro che vorrebbe imporci la propria come vera e assoluta. Proviamoci tutti insieme e vediamo se ciò potrà aiutare a svegliarci da questo incubo globale “trasmesso” in HD.



cordiali saluti

Vincenzo Drosi

Autore: Vincenzo Drosi

Lettera per Enrico Montesano. Lettera 9.

Nessun commento su questa lettera a Enrico Montesano


HTML autorizzato: <b> <i> <a> :-) ;-) :-( :-| :-o :-S 8-) :-x :-/ :-p XD :D



Celebrità > E > Enrico Montesano > Lettre 9 > scrivere